Home » news

news

ANEURISMA AORTA ADDOMINALE: PREVENIRE SI PUO' CON ESAME SEMPLICE E VELOCE

INTERVENTO DI ENDOPROTESI PER ANEURISMA AORTA ADDO
ANEURISMA AORTA ADDOMINALE: PREVENIRE SI PUO' CON ESAME SEMPLICE E VELOCE - CARDIOLOGO AMICO

NOVEMBRE Mese della Prevenzione e cura dell' ANEURISMA e delle Complicanze Cardiovascolari 

  un esame indolore, rapido, la diagnosi di Aneurisma con   ECODOPPLER AORTA ADDOMINALE

Vi invitiamo inoltre ad un semplice e rapido Check Up  Cardiologico

Visita specialistica Cardiologica con  l’ECG (Elettrocardiogramma),

e dopo i 40 anni raccomandiamo l’Ecodoppler TSA (delle Carotidi).

 

Esami semplici, di rapida esecuzione e con risposta immediata, in grado  di determinare con  precisione le condizioni cardiocircolatorie di un individuo 

prenota subito

 

Come si prenota?

Prenota online: http://www.docplanner.it/guidalberto-guidi

Si può prenotare presso la segreteria della Cardiologia

tel. 011503144 - 3335226142

 guidalbertoguidi@gmail.com

TRAPIANTO di CUORE : RARA PATOLOGIA CARDIACA RISOLTA CON UN APPROCCIO INNOVATIV

E’ di questi giorni la notizia della piccola di 6 anni nata con una grave cardiopatia congenita e salvata da morte certa dal trapianto cardiaco eseguito a Torino, con il quale si è andati a sostituire un cuore artificiale  precedentemente impiantato. Indubbiamente si è trattato di un evento che trova la sua “eccezionalità” nell’età della piccola paziente e nella rarità e complessità dell’ anomalia. La bambina presentava infatti un difetto di sviluppo in epoca embrionale quando da un unico condotto vascolare si differenziano le 4 camere cardiache, 2 atri e 2 ventricoli, ognuna specializzata nel fornire sangue al distretto polmonare o nell’aorta e organi interni.  In questo raro caso si era sviluppato un unico ventricolo,  mentre l’altro era rimasto solo abbozzato, inefficace, incompatibile con la vita. Il percorso complesso è iniziato poco dopo la  nascita con un immediato intervento “palliativo”, per fare in modo che l’unico ventricolo potesse distribuire il sangue sia nell’aorta, e quindi a tutti gli organi, sia ai polmoni per la necessaria ossigenazione. Questa fase ha consentito  almeno di sopravvivere, di  respirare e di crescere, condizione essenziale per poter intervenire successivamente in modo più radicale e definitivo. In questo modo, con una strategia mai tentata prima al mondo, si è potuto arrivare ai 6 anni di età con varie vicissitudini, episodi ripetuti di scompenso e  insufficienza cardiaca, che hanno poi reso necessario l’impianto transitorio  di un “cuore artificiale” con pompa esterna. Quando finalmente si è reso disponibile un cuore compatibile per dimensioni e genetica si è provveduto all’ultimo atto, il trapianto vero e proprio, che potrà finalmente consentire alla piccola una vita e una crescita normali. Il cosiddetto approccio sequenziale alla sostituzione dell'assistenza cardiocircolatoria con il cuore artificiale rappresenta una novità interessante che è stata già presentata al panorama scientifico internazionale. Dal 2002 al 2015 sono stati effettuati in Italia 2.089 trapianti di organo in età pediatrica, di cui 312 di cuore. Nel 2015 sono purtroppo deceduti prima del trapianto 76 dei 1.059 pazienti, adulti e bambini, che erano in lista di attesa per un trapianto di cuore. Nel 2015 i donatori in Italia sono stati 1388, pari a poco meno di 23 per milione di abitanti, un numero ancora insufficiente. Speriamo che sempre più persone prestino il consenso esplicito alla donazione degli organi (e dei tessuti), attraverso i canali predisposti: Uffici Anagrafe dei Comuni, ASL, Medici di Medicina Generale. 

INFARTO del CUORE

Nei giorni scorsi si sono moltiplicati gli articoli sui Media riguardo alla diagnosi precoce dell’Infarto del Cuore (Miocardico). Molta attenzione è stata rivolta al dosaggio di un Marker importante, si tratta della TROPONINA 1, una proteina che viene rilasciata nel sangue circolante, quindi dosabile con un semplice  prelievo, in caso di sofferenza o danno cellulare del cuore come nell’Infarto.

Chiarirei subito l’equivoco: non si tratta di un esame “contro l’infarto” come citato da La Stampa del 6 luglio 2016, cioè non è un esame di screening o di prevenzione per  allertare chi è a rischio di infarto, nulla di tutto ciò. E’un esame invece utile per dirimere dubbi in caso di sospetto infarto in atto. Infatti nelle fasi iniziali dell’Infarto l’elettrocardiogramma, esame fondamentale per la diagnosi, può risultare negativo e quindi sviare la diagnosi  corretta. In questo caso la presenza di TROPONINA 1 nel sangue può dirimere il dubbio e consentire l’intervento precoce e  tempestivo del cardiologo per limitare al massimo i danni dell’Infarto.

INTERVENTO di BERLUSCONI- SOSTITUZIONE VALVOLA AORTA - CARDIOCHIRURGIA - PROTESI

BERLUSCONI  INTERVENTO

Questa mattina il Cav. Silvio  Berlusconi verrà operato per la sostituzione della valvola Aortica.

Di cosa si tratta esattamente? Quando una valvola del cuore si deteriora, per infezione, infiammazione o per usura dovuta all’età, il Cuore si adatta al difetto e mette in atto tutti i suoi sistemi (quasi infiniti….quasi) di adattamento, si dilata, aumenta la sua energia contrattile, si ipertrofizza come qualunque muscolo stressato, ma oltre un certo limite non ce la fa. Questo è lo Scompenso Cardiaco, letteralmente il cuore non regge più un sovraccarico di lavoro e cede le sue forze.

A questo punto non resta che  riparare il difetto. Nei soggetti più giovani si eseguono delle “plastiche” della valvola che viene riparata.

Quando invece è  molto  deteriorata o nei soggetti meno giovani si  rende necessaria la sostituzione valvolare con protesi. Queste sono di 2 tipi fondamentali: Meccaniche o Biologiche.

Le meccaniche, in materiali biocompatibili indistruttibili, le biologiche in materiale organico , membrane di pericardio, porcine (il Maiale geneticamente è molto simile all’uomo!).

Il vantaggi delle protesi Biologiche è che consentono una migliore qualità di vita, meno “ manutenzione”, maggiore adattabilità alle condizioni anatomiche più difficili, per contro hanno una durata inferiore, per questo sono, a mio avviso, più indicate nei pazienti meno giovani.

L’intervento di sostituzione valvolare con protesi, qualunque essa sia,  comunque comporta:

1-anestesia generale profonda

2-apertura del torace

3- circolazione extracorporea con macchina Cuore/Polmone

4- arresto cardiaco per paralisi cardiaca in ipotermia (raffreddamento del Cuore)

5-  a Cuore Fermo sostituire la valvola nativa deteriorata con la protesi,

processo inverso  fino al riscaldamento e alla ripresa dell’ attività cardiaca.

Intervento non tecnicamente difficile ma molto delicato per i punti 1-2-3-4-5.

Se tutto procede senza complicazioni  dopo 24-36 ore il paziente , sveglio e con respirazione spontanea, lascia la terapia intensiva e viene trasferito in  reparto di degenza.

 

Per chi vuole approfondire e non si impressiona consiglio dal mio archivio::

https://www.youtube.com/watch?v=3A-PK9x6fR4

https://www.youtube.com/watch?v=Ctu-YuYP3NE

 
 
Area degli allegati
 
Visualizza anteprima video YouTube CARDIOCHIRURGIA: Sostituzione Valvola Aorta: Preparazione alla Circolazione Extracorporea 1/3 Visualizza anteprima video YouTube CARDIOCHIRURGIA: Sostituzione Valvola Aorta: Aortotomia con Accesso alla Valvola Nativa 2/3

LONGEVITA': VITA MEDIA DEGLI ITALIANI IN DIMINUZIONE PER LA PRIMA VOLTA

Per la prima volta  dall'inizio del secolo l'istat ha evidenziato un calo nella durata della vita media degli Italiani, popolo tra i più longevi al mondo.

La causa è stata individuata nella contrazione delle risorse per la sanità specie per quanto riguarda la prevenzione.

La prevenzione. Il Dr Guidi, Cardiologo di Torino, è da sempre impegnato nella prevenzione delle malattie cardiologiche e vascolari, disponendo di tutte le più recenti sofisticate attrezzature diagnostiche. Punto di forza e di eccellenza nella sua attività professionale è il progetto di prevenzione denominato "Check up cardiologico".
Questa iniziativa, divenuta un vero e proprio progetto sanitario, nasce dall'esigenza di svolgere un ruolo educativo e di prevenzione delle malattie cardiovascolari che rappresentano più del 50% delle cause di morte e di invalidità grave.
Per ogni fascia di età è stato formulato un protocollo specifico che comprende accurati esami mirati, di rapida e semplice esecuzione, senza rischi e senza inutili perdite di tempo.